The Wall (archives) #4 di Pietro Gaglianò > workshop e mostra, Puglia

Un progetto di Pietro Gaglianò in collaborazione con Archiviazioni

presentato da Archiviazioni e Ramdom Association
nell’ambito di DEFAULT Masterclass in Residence: Arte, Città e Riqualificazione

workshop > 29 settembre 2011, ore 10.30 / a numero chiuso
mostra > 30.09.2011 – 30.11.2011 / su appuntamento
discussione pubblica e opening mostra > 30 settembre 2011, dalle ore 19.00

Archiviazioni project space c/o Laboratorio di Arte e Architettura, Lecce

The Wall #4 Lecce di Pietro Gaglianò, workshop e mostra inclusi nel programma DEFAULT Masterclass in Residence, settembre 2011.

Giovanni Oberti, I muri non parlano / Walls can’t speak, 2011, scritta su muro realizzata in occasione di The Wall #4 Lecce.

“Davanti a un muro ogni cittadino ha il diritto di scegliere da quale parte collocarsi, gli artisti e gli intellettuali invece hanno un dovere: quello di sollevare il problema dell’esistenza dei muri / Pietro Gaglianò, 2011”

The Wall (archives) è un progetto di Pietro Gaglianò, nato per aprire un dibattito intorno al concetto di muro, a partire dalla definizione geopolitica di frontiera per esplorare le più diverse interpretazioni sociali, culturali, emotive, territoriali, psicologiche, estetiche.
Il progetto si sviluppa in diverse ramificazioni di pensiero e azione rispetto ai contesti territoriali in cui viene ospitato, allo scopo di rilevare una geografia emotiva e intellettuale contemporanea, di fare il punto sullo stato della consapevolezza globale e della responsabilità individuale, di amplificare l’interrogativo sulle ragioni dell’arte attraverso strumenti e dispositivi di partecipazione non convenzionali.
Artisti, curatori, studiosi, professionisti di diverse discipline sono stati invitati a offrire un contributo formale o teorico per creare un contenitore elastico e mobile, che si arricchisce col lavoro di nuovi autori incontrati lungo il percorso.

The Wall (archives) #4, coprodotto da Archiviazioni e Ramdom Association nell’ambito di DEFAULT Masterclass in Residence, è il titolo della quarta tappa del progetto che dopo Firenze, Roma e Bologna arriva a Lecce, presso la sede di Archiviazioni.
The Wall (archives) #4 si articola in tre momenti: un workshop, una discussione pubblica e una mostra.

Il workshop è aperto ai partecipanti di DEFAULT Masterclass in Residence e propone una riflessione su alcuni temi legati all’ambiente urbano, alla percezione del degrado, e alla sovrapposizione tra attività artistiche e relazioni interne della sfera pubblica, a partire dall’analisi dei materiali raccolti dalle precedenti esperienze di The Wall di oltre 150 autori, su cui verrà attivata una fase di discussione sull’agenda geopolitica – locale e globale – e sulle diverse forme espressive adottate dagli artisti nel confronto con i muri e i confini e sul senso di responsabilità legato ai linguaggi e al sistema dell’arte.

I diversi contributi formalizzati dagli autori durante il workshop verranno radunati per costruire la bozza di una mappa della città: una sorta di planimetria sensibile attorno a cui si sviluppa la discussione pubblica con Pietro Gaglianò e gli artisti di DEFAULT il giorno dopo.

Disponendosi al di fuori delle logiche della “mostra”, The Wall (archives) #4 presenta al pubblico una selezione dei contributi raccolti intorno al tema centrale dei “muri”, come archivio mobile e in progress, pensato per acquisire materiali di ogni tipo (video, foto, disegni, altre opere,video o foto di altre opere, ritagli di giornale, oggetti, dichiarazioni verbali, libri, riviste cartoline) e metterli a disposizione del pubblico in modo chiaro e comprensibile.
Il suo principale obiettivo è la sollecitazione, in un pubblico il più possibile vasto, dell’attenzione alle emergenze della contemporaneità; parallelamente, il progetto propone una alternativa effettiva al sistema dell’arte colonizzato dalla consuetudine di eventi monumentali/minimali: in tal senso The Wall si configura come appuntamento formativo ed espositivo.

Attualmente l’archivio comprende i contributi di:

Adalberto Abbate, Allegra Solitude (aka Gaia B.), Marina Arienzale, Emanuela Ascari, Emanuela Baldi, Maura Banfo, Emanuele Becheri, Francesco Bernardelli, Filippo Berta, Anna Biagetti, Marco Biagini, Leonora Bisagno, Valerio Borgonuovo e Manuela Prandini, Alba Braza, Francesco Campidori, Cecilia Canziani, Daria Carmi, Francesco Carone, Gianluca Casa, Gea Casolaro, Giancarlo Cauteruccio, Matteo Cavalleri, Giusy Checola, Paolo Chiasera, Cristian Chironi, Claudio Cirri, Luca Coclite, Daniela Comani, Michelangelo Consani, Massimo Conti, Leone Contini, Luisa Cortesi, Fabio Cresci, Gaetano Cunsolo, Cuoghi Corsello, Davide Daninos, Michele Dantini, Daniela De Lorenzo, Valerio Del Baglivo, Elisa Del Prete, Giuseppe De Mattia, Fancesco Di Tillo, Elena El Asmar, Debora Ercoli, Emilio Fantin, Flavio Favelli, Davide Ferri, Gino Gianuizzi, Pierfrancesco Gnot, Federico Gori, Francesco Impellizzeri, Devrim Kadirbeyoğlu, Irina Kholodnaya, Salvatore La Porta, Paola Leone, Loredana Longo, LOVE DIFFERENCE, Andrea Lunardi, Ardo Kekezi, Angelo Maggio, Edoardo Malagigi, Filippo Manzini, Aroldo Marinai, Gianluca Marinelli, Marco Mazzoni, Pietro Mele, Alessandro Mencarelli, Franco Menicagli, Manuela Menici, Menoventi, Paolo Meoni, Lucie Mičíková, Miliani Jacopo, Angel Moya Garcia, Mauro Morriconi, Margherita Moscardini, Motus, Muta Imago, Elena Nemkova, Nero, Angela Nocentini, Giovanni Oberti, Oh Petroleum, Francesco Ozzola, Giovanni Ozzola, Filippo Pagotto, Tommaso Panerai, Pantani-Surace, Paolo Parisi, Olga Pavlenko, Maria Pecchioli, Anita Pepe, Eugenio Percossi, Chiara Pergola, Luana Perilli, Robert Pettena, Alessandro Piangiamore, Alberto Piccinni, Cesare Pietroiusti, Caterina Poggesi, Elvino Politi, Postcards from Beirut, Luigi Presicce, Alessandro Raveggi, Massimo Ricciardo, Davide Rivalta, Antonio Rovaldi, Pablo Rubio, Paolo Ruffini, Alessandra Sandrolini, Eva Sauer, Chiara Scarselli, Stefano Scialotti, Diego Segatto, Sergio Solombrino, Eddie Spanier, studio++, Ester Tatangelo, Pier Luigi Tazzi, Chiara Tinonin, Nicola Toffolini, Stefano Tondo, Gian Maria Tosatti, Gabriele Tosi, Marcella Vanzo, Valentina Vetturi, Sabrina Vedovotto, Enrico Vezzi, Italo Zuffi, le associazioni bolognesi Bartleby, Comunicattive, Crudo, DryArt, Fragile Continuo, Hamelin, Il Cassero, Leggere Strutture, Pesci Pneumatici, Spazio Labò, Teatrino Clandestino.

L’archivio mobile presentato in occasione di The Wall (archives) # 4 costituisce il primo nucleo di una sezione speciale di The Wall allestita presso Archivica, il centro di documentazione per l’arte contemporanea di Archiviazioni, come prima tappa di un laboratorio aperto nel Sud d’Italia che intende lavorare su una mappatura effettiva e aggiornabile delle criticità cittadine sui temi della democrazia, della tolleranza, dell’estensione di aree “protette”, dell’accessibilità.
www.thewallarchives.net

Pietro Gaglianò (1975), critico d’arte e studioso dei linguaggi della contemporaneità, si occupa in particolare dei rapporti tra l’arte visiva e i sistemi teorici della performing art e del teatro di ricerca; del contesto urbano, architettonico e sociale come scena delle pratiche artistiche contemporanee; dell’applicazione delle arti alle questioni dell’emergenza geopolitica. Suoi testi sono stati pubblicati in cataloghi di mostre personali o collettive e ha curato alcuni volumi (per i tipi di Editoria&Spettacolo. Electa, Shin, Pendragon, Maschietto Editore, Titivillus) e ha collaborato con numerose testate di settore. Svolge attività didattica presso enti di formazione pubblici e privati, e collabora con istituzioni per la ricerca artistica e teatrale.

sam_2781_0_0_1574_1181_63306519898391_475 sam_2794_0_0_1574_1181_63306519898391_475 sam_2812_0_0_1574_2099_35619342544069_475 sam_2817_0_0_1574_1181_63306519898391_475 sam_2821_0_0_1574_1181_63306519898391_475 sam_2824_0_0_1574_1181_63306519898391_475